Iva Zanicchi svela il suo lato oscuro: "Ero orribile, volevano buttarla via"

La celebre cantante Iva Zanicchi ha aperto il suo cuore a Domenica In, rivelando alcuni aspetti inaspettati e intimi della sua infanzia. E tu, sei pronto a scoprire un lato inedito di questa grande artista?

Iva Zanicchi svela i segreti della sua infanzia a Domenica In

Intrattenendo il pubblico di Domenica In con Mara Venier, Iva Zanicchi ha raccontato non solo della sua brillante carriera musicale, ma ha anche condiviso alcuni episodi toccanti della sua infanzia. "Ero bruttissima, mia madre aveva ragione a dire che ero intelligente e carina, ma non proprio bella. Mi volevano buttare via davvero", ha confessato senza esitazione l'artista emiliana.

Il rapporto con i genitori

La Zanicchi ha rivelato che suo padre, desideroso di un figlio maschio dopo aver avuto già due figlie femmine, trascorse i primi tre giorni senza volerla vedere. Ma quando sua madre lo esortò ad avere pazienza, accettando la loro nuova figlia anche se non era la più bella, le cose cambiarono.

Più avanti, Iva Zanicchi ha sviluppato un legame meraviglioso con suo padre, tanto da considerarlo il suo gemello, data la somiglianza fisica tra i due. Ha persino scherzato sul fatto che le sue sorelle non erano amate quanto lei. "Le altre due streghe, le mie sorelle, non erano molto amate come me", ha detto ridendo.

L'aneddoto sulla madre e la sua abilità nel cucire

Tra le confidenze fatte durante l'intervista, la cantante ha parlato anche del rapporto con sua madre, elogiando la sua abilità nel cucire. Ha raccontato di un abito che sua madre aveva cucito per lei, unendo due vecchi vestiti delle sorelle. Nonostante abbia detto che sua madre non era un'esperta sarta, ha sottolineato la sua intelligenza fuori dal comune.

L'emozionante ricordo della madre

Iva Zanicchi ha poi condiviso un toccante ricordo di sua madre, a seguito di un incontro con una dottoressa del San Raffaele. La professionista ha confidato alla cantante quanto le mancasse sua madre, a dimostrazione di quanto fosse amata. "Come vedi, era così amata che la dottoressa la ricorda ancora dopo oltre vent'anni", ha concluso la Zanicchi.

Iva Zanicchi e la lezione di vita

Il racconto della sua infanzia da parte di Iva Zanicchi evidenzia come ogni persona sia unica e preziosa, indipendentemente dagli standard di bellezza imposti dalla società. Il suo viaggio di autostima e accettazione di sé è una lezione di vita da cui tutti possiamo trarre insegnamento. E tu, ti sei mai sentito brutto o indesiderato? Come hai affrontato questi sentimenti?

Iva Zanicchi svela il suo lato oscuro:
Iva Zanicchi svela il suo lato oscuro: "Ero orribile, volevano buttarla via"


"La bellezza è una tirannia di breve durata" - Socrate. Le parole di Iva Zanicchi, pronunciate sul palcoscenico di Domenica In, ci ricordano quanto sia effimera e soggettiva la percezione della bellezza, soprattutto nell'infanzia. La storia personale di Iva, da bambina ritenuta "bruttissima" ai successi che l'hanno consacrata come icona della musica italiana, è un inno alla resilienza e al superamento dei pregiudizi estetici. La sua ironia e la capacità di ridere di sé stessa dimostrano che la vera bellezza risiede nell'autenticità e nel talento, ben oltre l'apparenza. La Zanicchi, con la sua esistenza, ci insegna che ogni individuo può trasformare le proprie insicurezze in punti di forza, e che l'amore e la stima dei propri cari sono il vero specchio in cui riflettersi.

Lascia un commento